Tipologie di procedimento

Dlgs 14 marzo 2013, n. 33
articolo 35 commi 1, 2

Obblighi di pubblicazione relativi ai procedimenti amministrativi e ai controlli sulle dichiarazioni sostitutive e l'acquisizione d'ufficio dei dati

1. Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi alle tipologie di procedimento di propria competenza. Per ciascuna tipologia di procedimento sono pubblicate le seguenti informazioni:
a) una breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili;
b) l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria;
c) l'ufficio del procedimento, unitamente ai recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale, nonchè, ove diverso, l'ufficio competente all'adozione del provvedimento finale, con l'indicazione del nome del responsabile dell'ufficio, unitamente ai rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale;
d) per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all'istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni, anche se la produzione a corredo dell'istanza è prevista da norme di legge, regolamenti o atti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, nonchè gli uffici ai quali rivolgersi per informazioni, gli orari e le modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze;
e) le modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino;
f) il termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante;
g) i procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato, ovvero il procedimento puo' concludersi con il silenzio assenso dell'amministrazione;
h) gli strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione e i modi per attivarli;
i) il link di accesso al servizio on line, ove sia già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione;
l) le modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari, con le informazioni di cui all'articolo 36;
m) il nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo, nonchè le modalità per attivare tale potere, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale;

2. Le pubbliche amministrazioni non possono richiedere l'uso di moduli e formulari che non siano stati pubblicati; in caso di omessa pubblicazione, i relativi procedimenti possono essere avviati anche in assenza dei suddetti moduli o formulari. L'amministrazione non può  respingere l'istanza adducendo il mancato utilizzo dei moduli o formulari o la mancata produzione di tali atti o documenti, e deve invitare l'istante a integrare la documentazione in un termine congruo. 

Raccolta Funghi

Responsabile di procedimento: Bettini Daniele
Responsabile di provvedimento: Cosimi Paolo

Descrizione

FUNGHI: REGOLE PER LA RACCOLTA

La raccolta di funghi è consentita nel territorio regionale previa autorizzazione.

Per la raccolta nel solo Comune di residenza non occorre alcun tipo di autorizzazione.

Non vengono più rilasciati i tesserini che sono sostituiti dalla ricevuta del versamento al Comune degli importi sopracitati che costituisce denuncia di inizio di attività.

Sulla causale del versamento dovrà essere indicato: “Autorizzazione ----- raccolta funghi” (al posto dei trattini dovrà essere inserito il periodo: semestrale, annuale, giornaliera, ecc.).

Il versamento può essere effettuato presso l’Ufficio Postale tramite c/c n° 6750946 intestato alla Regione Toscana, oppure  tramite PagoPA, per info il link alla pagina pagamenti spontanei.

Copia del versamento dovrà essere mostrata insieme ad un documento di identità a richiesta degli addetti alla vigilanza (Forestale, Venatoria, Vigili Urbani, Carabinieri, Guardie Volontarie, ecc.).

Nel caso di minorenne di età superiore a quattordici anni, il versamento è effettuato dall’esercente la potestà genitoriale e deve contenere nella causale anche l’indicazione delle generalità del minore stesso.

I minori di quattordici anni possono effettuare la raccolta solo se accompagnati da persona munita di autorizzazione (cioè la ricevuta del versamento) e concorrono a formare il quantitativo giornaliero previsto.

Si ricorda che:

  • possono essere raccolti fino ad un massimo di 3 Kg di funghi al giorno,

  • la raccolta può essere effettuata solo nelle ore diurne (da un’ora prima del sorgere del sole fino ad un’ora dopo il tramonto),

  • è vietato l’uso di rastrelli, uncini o altri mezzi che possano danneggiare il terreno, il micelio e le radici,

  • i funghi raccolti devono essere riposti in contenitori rigidi o a rete, aerati ed idonei a garantire la diffusione delle spore,

  • è vietato l’uso di sacchetti o buste di plastica.

 

E’ vietata la raccolta di:

  • porcini con dimensione minima del cappello inferiore a cm. 4,

  • dormiente e prugnolo con dimensione minima del cappello inferiore a cm. 2,

  • cocchi allo stato di ovulo chiuso (cioè con le lamelle non visibili e non esposte all’aria).

 

E’ vietata la distruzione o il danneggiamento di funghi di qualsiasi specie.

 

 

Link Utili
LEGGE REGIONALE 22 marzo 1999, n. 16
http://www.funghiitaliani.it/
http://www.micologi.it/

Chi contattare

Personale da contattare: Bettini Daniele, Bertini Marcello

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
Nessuno

Costi per l'utenza

LE AUTORIZZAZIONI sono di due tipi:

Per i Residenti in Toscana

  •  € 13    per l'autorizzazione personale semestrale
  •  € 25    per l'autorizzazione personale annuale

Per i Non residenti in Toscana

  • € 15     per l'autorizzazione turistica giornaliera
  • € 40     per l'autorizzazione turistica valida per 7 giorni consecutivi
  • € 100   per l'autorizzazione turistica valida un anno

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: Non Previsto
Facebook Twitter Linkedin